sabato 15 giugno 2013

A volte ritornano... con un aspetto diverso!

Possono essere davvero tanti i soggetti che, in tempi e modi diversi, si ripresentano da un passato più o meno lontano, rendendoci felici o scombussolandoci la vita. Spesso si pensa ad amicizie che si sono allontanate e poi riavvicinate, amori persi e ritrovati, occasioni lasciate che fortunatamente ci sono state riproposte.

Di solito questi "soggetti" sono più legati al mondo dei rapporti personali e delle emozioni che non ad oggetti reali, quindi il loro ritorno è da analizzare, secondo me, in maniera più intima, valutando singolarmente ogni situazione.

Ci sono, però, anche aspetti più reali e tattili che, dopo essere stati accantonati, hanno rivisto la luce. Pensiamo, ad esempio, alle vecchie musicassette che hanno fatto da colonna sonora a momenti particolari del nostro vissuto, fotografie che hanno immortalato momenti da rivivere o semplici oggettini che facciamo fatica ad eliminare perché hanno acquisito un valore sentimentale considerevole e che costudiamo quindi in un angolino nascosto del cassetto, assieme ai sogni che ancora non si sono esauditi.
Tutto molto romantico, vero? Direi di no, perché in molte case sono accatastati anche quegli articoli senza un particolare valore economico o affettivo che, per varie ragioni, non sono più utilizzati, creando dei veri e propri magazzini del passato. Che viene così dimenticato.

Eppure, poco tempo fa, io e mio marito ci siamo ritrovati in un posto speciale, una sorta di piccolo mondo fantastico dove proprio le cose inanimate, dopo aver perso la loro funzionalità, hanno ritrovato vita sotto altre forme, facendoci pensare proprio alla frase "a volte ritornano"!

Il luogo in questione è Palazzo Quistini, a Rovato (BS), che in occasione dell'evento Giardinaria, una manifestazione riguardante il mondo del giardinaggio, si è "vestito" un po' a nuovo, con qualcosa di vecchio!

 
Appena varcato l'ingresso, ci siamo subito accorti che il passato, qui, è l'anima di tutto e rivive in completa armonia sia nei locali più antichi, in cui è naturalmente contestualizzato, sia nei giardini che hanno ricevuto precise cure ed in cui sono inseriti pezzi che di natura hanno ben poco.... o forse no, dipende da che punto di vista si osservano!
 
Mani pratiche, infatti, hanno permesso l'incontro e l'incastro di forme e materiali diversi per realizzare arredamento da esterno e sculture con sembianze animali,  che sono andate poi a popolare numerosi angoli del parco.  
 
I classici pallet per imballare forniture ingombranti, sono ritornati in auge grazie al loro riutilizzo come tavolini, panchine o vasi:
 


 
 
Pinze arrugginite, tubi in gomma inutilizzabili, radiatori, freni a disco, marmitte di due ruote e tant'altro, sono stati assemblati magicamente, ritornando protagonisti in sculture come queste:
 

 


 
Trascorrere qualche ora in questo spazio verde, disseminato da articoli che hanno ritrovato una nuova versione di se stessi, è stato davvero entusiasmante: innanzitutto abbiamo conosciuto un mondo in cui, in maniera originale e artistica, si è esaltato il ritorno di vecchi materiali in disuso; secondariamente perché noi stessi siamo ritornati bambini , catapultati in un gioco improvvisato tutto nostro, dove lo scopo era trovare le varie strutture seminascoste da roseti e alberi da frutto.
 
 
 
Perché accanto alle sculture, il co-protagonista era proprio il giardino, in cui ogni anno, come se fosse un appuntamento fisso con la natura, sbocciano decine di tipologie diverse di rose e altri profumatissimi fiori e maturano frutti dalle forme e dai colori più diversi.
 


 
 
Nella natura è l'alternarsi delle stagioni, per gli oggetti è la mano dell'uomo, per le persone sono i ricordi che stimolano a guardare oltre e riproporci in maniera innovativa permettendo al passato di ritornare a vivere, magari sotto forme diverse.
Perché oltre ogni cosa c'è sempre un nuovo possibile ciclo, un nuovo ritorno alla luce! 
 
 
 
Con questi pensieri partecipo alla Staffetta di Blog in Blog, un evento in cui numerosi bloggers scrivono le loro riflessioni inerenti lo stesso argomento, pubblicando i propri lavori contemporaneamente il giorno 15 di ogni mese alle ore 9.00.
 
 
 
Se vi interessa addentrarvi nel mondo di un misterioso passato che ha fatto ritorno, vi suggerisco di leggere i loro post:
 
1. Caos In Casa - http://caosincasa.blogspot.com/2013/05/staffetta.html
2. Alessandra - http://fiorievecchiepezze.wordpress.com
3. Benedetta - http://www.comenasceunamamma.it
4. Licia - http://lamagiadellepietre.altervista.org
5. made in bottega - http://www.madeinbottega.com
6. mamma di ludovica - http://www.mammadiludovica.com
7. Barbara - http://mammababysiracconta.blogspot.it/
8. Maria Chiara Martin - http://www.maryclaire-perlecose.blogspot.it/
9. Federicasole - http://lamiadolcebambina.blogspot.it/search/label/staffetta%20di%20blog%20in%20blog
10. Antonella - http://blogacavolo.blogspot.it/
11. Arianna - http://conlemaninelsacher.blogspot.it/
12. simona elle http://www.simonaelle.com/search/label/Staffetta%20tra%20blog
13. Cristina - http://udinelamiacittaenonnapina.blogspot.it/search/label/Staffetta%20di%20blog%20in%20blog
14. Graziella - http://eyesmadlyopen.blogspot.com/
15. Marzia- www.quellocheunadonnadice.blogspot.it
16. Il caffè delle mamme - http://www.ilcaffedellemamme.it
17. Accidentaccio - http://accidentaccio.blogspot.com
18.Sara Milan Fiorenza http://www.nuvolositavariabile.com/
19. Le gioie di Moira http://legioiedimoira.blogspot.it/search/label/Staffetta%20Di%20Blog%20in%20Blog
20. Liz - http://ilblogdiliz.blogspot.it/
21) Micaela le M Cronache - http://lemcronache.blogspot.it/search/label/Staffetta
22) Federica MammaMoglieDonna - http://mammamogliedonna.blogspot.it/search/label/Staffetta%20di%20blog%20in%20blog
23) Learning is experience http://laproffa.blogspot.it/search/label/di%20blog%20in%20blog
24) Norma - http://voglioilmondoacolori.blogspot.it/
25) Beat - www.mammaorechefaccio.com
26) Antonietta Nido in famiglia gnometti&fantasia http://www.gnomettiefantasia.blogspot.it/
27) Cristina - http://lastranagiungla.blogspot.it/
28) Il Pampano: http://ilpampano-designbimbi.blogspot.it/search/label/di%20blog%20in%20blog
29) Stellegemelle(Sara) - http://www.stellegemelle.com/search/label/di%20blog%20in%20blog
30) Elisa Tinella http://unaltracosabella.blogspot.it/
31) Patrizia http://pattibum.wordpress.com
32. Verdearighe http://verdearighe.blogspot.it/search/label/di%20blog%20in%20blog
33) Home-trotter: http://hometrotter.it
34) dispariepari : http://www.dispariepari.it/category/social/
35) Vivere a piedi nudi: http://vivereapiedinudi.blogspot.it/search/label/di%20blog%20in%20blog
36) Passe-partout : http://partoutml.blogspot.it/search?q=staffetta+di+blog+in+blog&max-results=20&by-date=true
37) casadimamma http://casadimamma.blogspot.it/
38) Mammamari http://mammamari.it/
 
 
Buona navigazione!

 

20 commenti:

  1. Bellissimo, tutto questo mi piace un sacco. Amo l'arredamento da esterno creato con i pallets e amo le sculture ottenute con elementi di recupero. Il tutto in una cornice davvero splendida!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se devo essere sincera, scrivendo il post avevo pensato a te, alle "creazioni" che ottieni con l'aiuto di tuo marito! Non mi stupisce, quindi, il tuo commento! Grazie!

      Elimina
  2. Adoro il riuso e il riciclo e questo evento è davvero una bella idea: a volte con le cose di scarto si ottengono delle vere e proprie meraviglie!
    CIAO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stato davvero entusiasmante scoprire cosa era "nascosto" dietro ogni scultura!

      Elimina
  3. I pallet sono ideali per ricreare e qui l'hanno fatto in modo impeccabile... grazie vper aver condiviso l'esperienza

    RispondiElimina
  4. ma che belli!!!!!!!!!!!!!! le voglio io con il pallet ci ho fatto tavolino ma così ono stupendi. Non ti conoscevo divento tua follower
    www.quellocheunadonnadice.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora ci farai vedere il tuo tavolino realizzato con i pallet! Benvenuta tra i miei followers!

      Elimina
  5. Bellissimi! Questo sì che è riuso creativo ad alto livello.
    Il vecchio che si trasforma, che ha una seconda chance, una nuova vita
    Grazie per averci fatti partecipi
    Ciao
    Norma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh... alla fine il "ritorno" è un po' l'idea di poter dare una seconda chance... oggetti, persone o ricordi che siano!

      Elimina
  6. accidenti che riutilizzo dei pallet meraviglioso!
    i vasi sono divini!!!
    che bell'atmosfera si dev'essere respirata dal vivo visto che questo post mette di buonumore a leggerlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Conoscevo il riutilizzo dei pallet, ma vederli dal vivo, tra l'altro assemblati a regola d'arte, e "decorati" da fiori colorati m0ha fatto un certo effetto. L'atmosfera era davvero magica.... e resta la voglia di provare a crearli!

      Elimina
  7. wow che bellissimo posto. Il riuso e il riciclo sono proprio nelle mie corde .... se mio marito non frustrasse la maggior parte delle mie idee ;-)
    Ciao Licia

    RispondiElimina
  8. Licia... E tu provaci lo stesso, inizia dal piccolo e poi pian piano, t'allarghi! E il marito non se ne accorge! Ahahah! Lo so, magari fosse così facile!!!

    RispondiElimina
  9. questo lato del'"a volte ritornano" devo dire che mi piace molto.... il riutilizzo dei materiali lascia sempre a bocca aperta... buon week end

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oggi sono stata a Milano e lungo i Navigli ho visto parecchi locali utilizzare proprio i bancali per ricreare anche mobili da bar.... Devo dire che sono davvero molto, molto versatili.... e forse anche il maritino farà degli esperimenti! Antonella, buon week end anche a te!

      Elimina