mercoledì 21 gennaio 2015

Io sono il messaggero

Gran libro.... e scusate il gioco di parole, GRANDISSIMO MESSAGGIO.
Consiglio la lettura assolutamente a tutti, soprattutto se avete bisogno di trovare un nuovo spirito, una nuova determinazione per affrontare la precarietà del nostro periodo storico-sociale.
 
Se è vero che una trama del genere è difficilmente credibile nella realtà, è pur vero che ogni nuovo incontro potrebbe essere il nostro vicino di casa!
 
Un romanzo che affronta tutto: amore, amicizia, famiglia, disagio e lavoro. Un libro che ti rende triste e speranzoso allo stesso tempo. Un dono che sa di POSSIBILITA'.
Ulteriore nota positiva: bella e simpatica l'impaginazione dei capitoli, soprattutto per chi piace giocare a carte!
 

Dalla copertina:
L'esistenza di Ed Kennedy scorre tranquilla. Fino al giorno in cui diventa un eroe. Ed ha diciannove anni, una passione sfrenata per i libri, un lavoro da tassista piuttosto precario che gli permette di vivacchiare, e nessuna prospettiva per il futuro. Quando non legge, passa il tempo con gli amici giocando a carte davanti a un bicchiere di birra o porta a spasso il Portinaio, il suo cane, che beve troppo caffè e puzza anche quando è pulito. Con le donne non è particolarmente disinvolto, perché l'unica ragazza che gli interessi davvero è Audrey, la ragione per cui è rimasto in quel posto senza vie d'uscita. Capace di colpirlo al cuore con una frase: "Sei il mio migliore amico". Non serve una pallottola per uccidere un uomo, bastano le parole. Tutto sembra così tremendamente immutabile: finché il caso mette un rapinatore sulla sua strada, e Ed diventa l'eroe del giorno. Da quel momento, comincia a ricevere strani messaggi scritti su carte da gioco, ognuno dei quali lo guida verso nuove memorabili imprese. E mentre Ed diventa sempre più popolare, mentre nota una luce diversa negli occhi di Audrey e la gente lo saluta per strada, inizia a domandarsi: da dove arrivano i messaggi, chi è il messaggero?

4 commenti:

  1. Mi hai fatto venire una curiosità!!! L'altro giorno in libreria ero tentata ad acquistare Storia di una ladra di libri...invece poi sono stata dirottata dal mio libraio di fiducia su un'opera prima di una scrittrice siciliana...
    Ma prendo nota, grazie Cri !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che le mie considerazioni possano ispirarti!!

      Elimina
  2. Hai incuriosito anche me Cristina.
    Da leggere!
    un abbraccio Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io aspetto i vostri commenti!!! Baci!!!

      Elimina