martedì 20 gennaio 2015

3 candele.... tanti, troppi pensieri....

Immersi nella nostra quotidianità, sommersi da quelli che consideriamo "grandi" problemi, spesso non diamo valore alle "cose" vere, certi che alcuni drammi a noi non possono accadere....

Per fortuna non parlo di avvenimenti accaduti nell'ambito familiare: so che non ne sono immune, ma spero con tutta me stessa che il dolore più grande di perdere una persona amata avvenga il più lontano possibile nel tempo.

Dall'inizio dell'anno sono volate in cielo persone che non conoscevo personalmente, ma che in qualche modo hanno sfiorato la mia vita: una ragazza solare di 39 anni, una bimba di soli 2 anni, un giovane ragazzo di 25 anni....

Tutte le volte che ho appreso la triste notizia ho pensato "nooooooo!"..... perchè non si può davvero morire così giovani.... non si può soccombere ad un male incurabile o ad una malattia fulminante (ma tutto il progresso nel campo medico dov'è!?!?), non si può morire tornando dal lavoro per un'ingenuità altrui....

Non riesco a capire come si possa sopravvivere ad un dolore che solo a pensarlo di stringe il cuore fino a farlo esplodere....

Forse ci si appende ai ricordi, forse a chissà quale speranza....

Una preghiera per voi, dolci nuovi angeli...

8 commenti:

  1. Condivido quello che dici in questo post... è vero... il dolore della perdita di una persona cara...non si sta dentro niente talmente è grande.
    Si può solo sperare che tutto abbia un senso a prescindere dalla nostra capacità di comprendere...
    Ti abbraccio Cri <3 <3 <3

    RispondiElimina
  2. A volte razionalizzare è difficile... se di mezzo c'è il cuore, la mente non trova risposte...

    RispondiElimina
  3. Hai ragione, perdere una persona cara è un dolore immenso ed è faticoso andare avanti.
    Io ho trovato aiuto nella Fede e nella certezza che un giorno ci potremo ritrovare in un posto migliore.
    Un forte abbraccio a te e l'unione nella preghiera
    Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero tanto anch'io che un giorno ci si possa incontrare nuovamente con le persone che abbiamo amato e sono volate via.... lo spero tanto!!

      Elimina
  4. Ciao, mi unisco alla tua preghiera.
    Quando sento di episodi simili anche a me si stringe il cuore!
    L'estate scorsa è mancato un ragazzo della stessa età di mio figlio, che giocava con lui nella squadra di calcio, morto per un attacco d'asma!
    Ancora oggi mi chiedo come possa una madre superare un dolore del genere... probabilmente non lo supererà mai: può solo imparare a conviverci.
    Un abbraccio forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono madre.... ma no, non credo che una madre possa superare questo dramma... forse è più facile sopravvivere....

      Elimina
  5. Io non ci voglio neppure pensare, mi vengono i capelli dritti solo all'idea!

    RispondiElimina