giovedì 8 maggio 2014

Le luci nelle case degli altri

"Lasciare" Mandorla mi ha fatto sentire triste, e forse qualche piccola lacrimuccia l'avrei versata volentieri, visto il nodo alla gola....
E' stato quasi come se un'amica si fosse trasferita in una località lontana...
Perchè Mandorla l'ho vista crescere... insieme alle sue famiglie l'ho accompagnata nel tempo che da bambina l'ha vista diventare adolescente, e quasi donna.
Un viaggio attraverso le emozioni, sue e mie, ed attraverso le famiglie.... quelle luci che ci indicano un cammino spesso molto diverso da quanto lo immaginiamo, ma sempre ricco di sorprese.

 
Dalla copertina:
Mandorla è la bambina felice di una ragazza madre piena di fantasia. Maria, la mamma, lavora come amministratrice d'immobili e ha lo speciale dono di trasformare ogni riunione condominiale in toccanti sedute di terapia di gruppo... Quando un tristissimo giorno Maria muore cadendo dal motorino, i condomini di via Grotta Perfetta 315, quelli che più le volevano bene, scoprono da una lettera che proprio nel loro stabile la piccola Mandorla è stata concepita... ma su chi sia il padre, la lettera tace. Proprio perché con tutti Maria sapeva instaurare un legame intenso, nessun uomo tra i condomini si sente sollevato agli occhi degli altri dal sospetto di essere il padre di Mandorla. È così che verrà presa la decisione di non fare il test del DNA su Mandorla, e stabiliscono di crescere la bambina tutti assieme. È questo il fatale presupposto di una commedia umana che, con l'alibi del paradosso, in realtà ci chiama in causa tutti. E mentre, di piano in piano, Mandorla cresce, s'innamora, cerca suo padre e se stessa, ci si avventura con lei verso rivelazioni luminose e rivelazioni scomode, si assiste a nuove unioni e a separazioni necessarie. L'autrice costruisce attorno al cuore pulsante della sua protagonista un romanzo corale dove i grandi archetipi si mescolano agli struggimenti contemporanei, la verità e la menzogna cambiano continuamente di segno per dare vita a una voce fresca e profonda, che condurrà, fiduciosa soprattutto dei suoi dubbi, verso un finale sorprendente.
 
Buona lettura!!
 
PS: ASSOLUTAMENTE CONSIGLIATO A TUTTI!!!!!!!

2 commenti:

  1. Succede anche a me, quando termino un libro che ho amato. In genere, quasi una sorta di lutto, aspetto per cominciarne un altro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Una sorta di lutto".... hai reso bene l'idea!!!

      Elimina